Schisandra

Descrizione: In Cina viene chiamata wu-wei-zi, che significa “frutto di cinque gusti” perché il frutto, completamente maturo essiccato al sole è una miscela di sapori acido, dolce, salato, caldo e amaro. La schisandra, nome scientifico Schisandra chinensis, è una pianta originaria della Cina settentrionale appartenente alla famiglia delle Schisandraceae. È una pianta dioica, ovvero ha bisogno del polline di una pianta maschio per fecondare i fiori femminili e produrre frutto. È molto importante quindi, se si vuole coltivare la pianta ed ottenere i preziosi frutti, piantare entrambe le piante, maschio e femmina.

Proprietà: antiossidante, energetico, adattogena, vasodilattatore, antitussiva, antibatterica, espettorante.

Utilizzo: Aumenta la resistenza allo stress, migliora la resistenza e le prestazioni fisiche diminuendo l’affaticamento. Stimola il sistema nervoso centrale con il miglioramento dei riflessi, della resistenza e della capacità lavorativa in individui sani. Stimola il cuore: è un vasodilatatore, normalizzante la pressione sanguigna specie nelle insufficienze respiratorie. Alza le difese immunitarie. Tende a regolarizzare il ph gastrico alzandolo quando è basso e viceversa.  Per le sue proprietà antiossidanti e protettive della cellula epatica, è utile per ridurre le tossine prodotte dall’intensa attività fisica. È efficace contro i batteri connessi con disturbi polmonari. Riveste un ruolo importante nei confronti degli eccessi di sudorazione e quindi nella perdita di sali minerali.

Si utilizza per trattare la tosse, l’asma, l’insonnia, lo stress, la diarrea cronica, i sudori notturni, la eiaculazione involontaria, la sete, l’impotenza, l’esaurimento fisico e la eccessiva diuresi.  Dona una buona resistenza agli agenti e alle infezioni virali. Per la presenza della vitamina A ed E migliora l’aspetto della pelle.

Una delle proprietà più conosciute di questa pianta è quella di promuovere la longevità, rallenta l’invecchiamento cellulare.

Nella medicina popolare le bacche sono utilizzate da secoli per il trattamento dell’impotenza, questi benefici sono da ricondursi alla capacità di migliorare il flusso sanguigno.

Controindicazioni: Non esistono controindicazioni per questo tipo di frutto se ovviamente non viene consumata in dosi eccessive. Per quanto riguarda gli effetti collaterali sono molto rari.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.