Cimicifuga

Cimicifuga

Nome botanico: Cimicifuga racemosa  Famiglia delle Ranuncolaceae

Descrizione: Pianta erbacea perenne con rizoma strisciante carnoso, il fusto fragile che può raggiungere il metro e mezzo di altezza. I fiori biancastri sono riuniti in un’infiorescenza racemosa. E’ tipica dell’America settentrionale. Si raccoglie quando la pianta non è più giovane. Il suo nome deriva dal fatto che si credeva, grazie al suo forte odore, fosse in grado di allontanare le cimici, credenza poi rivelatasi falsa.

Proprietà: Azione simil-estrogenica (dovuta all’isoflavone che è considerato un fitoestrogeno) emmenagogo, antireumatico, ipotensiva, ipoglicemica, espettorante, sedativo.

Indicazioni: E’ usata per alleviare i disturbi che accompagnano la menopausa, quali vampate di calore, secchezza vaginale, depressione, affaticamento e alterazioni dell’umore, come sostituto della terapia ormonale quando vi siano per questa delle controindicazioni. Da sempre è usata dalle popolazioni native del Nord America per risolvere i problemi ginecologici, tanto da essere sopranominata “erba delle squaw”. E’ stimolante uterino ed è ancora oggi utilizzata per sedare i dolori e i disturbi mestruali, dovuti ad una eccessiva produzione di progesterone. E’ efficace per le infiammazioni artritiche, i disturbi reumatici, l’artrite reumatoide compresa. E’ apprezzata anche per l’ipertensione, la pertosse, l’asma.

Avvertenze: Non assumere durante la gravidanza o l’allattamento.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.